IL PESO DELL’ ACQUA

La profondità è soltanto uno dei fattori, l’altro sarà il movimento della stessa,

percepiamo l’acqua come leggera quando è poco profonda, l’acqua ci sembra pesante invece quando è profonda.

La lenza cattura l’acqua e crea resistenza e l’allentamento della lenza ( la classica pancia)

Con un trecciato sottile l’acqua ci sembra più leggera, se montiano un filo più grande , alla stessa profondità ecco che l’acqua ci sembra pesante , anche il rivestimento del filo fa la differenza, se è più liscio scivolerà meglio nell’acqua e la sensazione sarà diversa.

Importante capire che se c’è una massa d’acqua che si muove sotto di te ( niente vento o vento favorevole e leggero nella stessa direzione della corrente) in questo caso la tua barca va alla deriva con la corrente e il tuo jig si muove con la stessa corrente;  non importa quanto veloce sia la corrente, perché tutto si muove in un moto uniforme , in un caso come questo  non avrai problemi in pesca ;

Nella condizione in cui però la corrente si muova velocemente, almeno oltre gli 80 metri di profondità, troverai quasi  sicuramente diversi strati di correnti.

A volte lo strato superiore si muove velocemente, a volte quello inferiore e talvolta entrambi hanno direzioni diverse.

Le correnti multistrato ( correnti complesse ) rendono l’acqua pesante.

Un impatto enorme lo ha il modo in cui la tua barca va alla deriva :

non ha nulla a che fare con la pesantezza dell’acqua quando peschi con la deriva controllata per rimanere in verticale,ma se stai andando alla deriva libera o con l’ancora marina, verrai spinto dal vento lontano dal jig  e allora l’acqua ti sembrerà più pesante.

Devi solo scendere sul fondo per vedere quale tono di azione stai ottenendo sulla tua canna in quel momento, ed è importante prestare sempre attenzione alla resistenza all’acqua che cambia costantemente ogni ora e in ogni luogo.

Questa consapevolezza fa un’enorme differenza.

Una volta che hai capito quanto è pesante l’acqua, vuol dire che hai la percezione delle correnti che sono sotto di te ,solo allora puoi pensare a una tattica da giocare.

Conclusioni :

Esistono tipi di jig che sono buoni nel tono di azione forte per azioni energiche , altri tipi di jig che sono buoni con il tono di azione morbido quindi ottimi in azioni di caduta lenta .

Se hai 2 canne di diversa potenza puoi giocare con tattiche diverse e adattarti anche alle diverse condizioni dell’acqua.
Diversamente avendo a disposizione una sola canna dovrai esprimere al meglio le tue capacità per ottenere il massimo risultato in base alle condizioni e scegliere il modello di jig più adeguato al tono d’azione che assumerà la tua unica canna in quella particolare   situazione.

Si deduce quindi quanto bisogni prestare particolare attenzione alla scelta  della potenza della nostra canna perché se , come spessissimo succede, sceglieremo una potenza maggiore ecco che ci troveremo troppe volte ad avere un’azione forte ( una canna rigida) che ci esclude completamente la possibilità di sfruttare jig a caduta lenta che spesso si rivelano maggiormente efficaci.

Questa discussione vuole spingerVi a riflettere maggiormente sul fatto che è preferibile scegliere una canna di potenza inferiore che fletterà molto di più e la sua spinta sul jig sarà più efficace, lo slancio della canna è essenziale per creare quel momento di sospensione del jig che lo ferma in acqua prima della ricaduta , il momento dell’ abboccata !

Vedi anche QUESTO articolo sul tono d’azione della canna :  

Menu
Call Now Button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi